Si informano i lettori che dal 19 settembre 2018 Mirabile funziona su un motore di ricerca più avanzato e open source, che consente una maggiore efficienza delle funzionalità offerte e l'implementazione di nuove in un prossimo futuro.
La fase di testaggio della nuova infrastruttura è stata condotta dalla redazione dell'Archivio Integrato per il Medioevo (AIM).
A fronte di malfunzionamenti inattesi, che potrebbero verificarsi a proposito di domande complesse, il lettore è pregato di segnalarlo alla redazione, utilizzando il seguente indirizzo redazione@mirabileweb.it. E noi lo ringraziamo di questa collaborazione.

MIRABILE

Archivio digitale della cultura medievale
Digital Archives for Medieval Culture

Maximinus de Salerno n. 1365/1370, m. post 1417 in CODEX
Maximinus de Salerno n. 1365/1370, m. post 1417
Trovati 1 records. Pagina 1 di 11
Responsabile descrizione interna CODEX

Siena, Biblioteca Comunale degli Intronati, T.I.2

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

sec. XV primo quarto data stimata
membr.
Luogo di copia Venezia, SS. Giovanni e Paolo, convento OP (sec. XV primo quarto)
ff. III, 112, II', paginazione moderna ad inchiostro; cartulazione originale a penna nell'angolo superiore destro, inesatta e seguibile solo fino al nr. 60 (p. 121); ff. I e II', guardie cart. di restauro; ff. II-III e I', guardie membr. moderne; fascicoli 1-6 (8), 7 (9), 8-10 (8), 11 (10), 12 (5), 13-14 (8): richiami orizzontali al centro del margine, incorniciati; il fascicolo 7 (pp. 97-114) è un quaterno regolare con l'inserzione di un foglio (pp. 99-100) fra il primo e il secondo; il fascicolo 12 (pp. 183-192) è un duerno con l'aggiunta di un foglio finale; tracce della segnatura a registro nell'angolo inferiore destro, in genere asportata dalla rifilatura
Dimensioni: 291 x 216 (p. 25); specchio di scrittura: 27 [203] 61 x 20 [60 (15) 62] 59 (p. 25); rr. 44/ll. 44 (p. 25), con scrittura che spesso utilizza la riga di testa, rigatura a colore
Presenza di note
Note marginali di varie mani moderne e maniculae


Decorato: il manoscritto è analizzato sotto il profilo iconografico da Giunta (cfr. in bibl.)
Iniziali filigranate; Iniziali istoriate; Iniziali figurate; Disegni a penna: iniziali a pennello su campo d'oro figurate (pp. 1, 4, 12, 193) o istoriate (p. 112); iniziali filigranate azzurre di rosso e rosse di bruno, alternate
Rubricato: segni di paragrafo rossi e azzurri alternati; rubriche

Legatura moderna (sec. XVIII) in velluto rosso su assi, due fermagli di chiusura forse in argento
Stato di conservazione
Discretamente conservato: il foglio iniziale e quello finale presentano le maggiori tracce d'usura, con dilavatura dell'inchiostro e macchie di umidità; anche la miniatura a p. 1 risulta alquanto rovinata; macchie d'inchiostro più o meno estese in corrispondenza dell'angolo superiore destro

Ente possessore Siena, S. Domenico, convento OP
Stemma
Nomi Piccolomini Nuti Giulia, mecenate (sec. XVIII); Piccolomini, famiglia, stemma di (sec. XVIII); Nuti famiglia, stemma di (sec. XVIII)
Storia del manoscritto Il codice, proveniente dal convento veneziano dei SS. Giovannie Paolo, è uno dei testimoni più antichi del Supplementum (cfr. Nocentini Scriptorium, p. 99 e n. 68). La datazione è riferibile al limite superiore dell'arco cronologico proposto (1420-1425), essendo stato composto il primo testo intorno agli anni 1417-1418, mentre la datazione del secondo è dichiarata esplicitamente, nella rubrica a p. 193r, all'anno 1417.
A p. 168, nel margine inferiore, una mano del sec. XVII mette in risalto la notizia del distacco della testa della santa e del suo invio da Roma a San Domenico di Siena nel 1381, notizia ricavata dal testo e segnalata nella pagina dalla manicula.
A f. IIv, gli stemmi accollati delle famiglie Nuti («D'azzurro, alla fascia d'argento accompagnata da tre colombe posate dello stesso, 2.1, le due affrontate») e Piccolomini («D'argento alla croce d'azzurro caricata di cinque crescenti montanti d'oro, 1.3.1»), accompagnati al di sotto a caratteri d'oro (sec. XVIII): Giulia Piccolomini Nuti. P(ro) S(ua) D(evotione) che probabilmente offrì la copertura delle spese per la rilegatura.
A f. IIIr un'ampia nota di mano moderna illustra contenuto e provenienza del ms. (sec. XVIII): Questo volume contiene il Supplemento, compilato dal beato Tommasso Caffarini, alla Leggenda di s. Caterina da Siena scritta dal beato Raimondo da Capua, nel quale si trovano molti più detti e fatti della santa che Raimondo non scrisse. Et in fine vi è allegata una vita della santa scritta dal beato Massimino da Salerno (una mano posteriore aggiunge il rinvio nel margine inferiore: a pagina 193). E detto volume conservato per secoli nel'Archivio del convento, fu trasferito in più onorevole custodia cogl'altri in questa sagrestia l'anno 1705.
Bibliografia Ilari La Biblioteca (1847), VI pp. 518-519; Iacometti Manoscritti II (1962), pp. 53-54 nr. 18; Cartotti Oddasso Caterina (1963), p. 1038; Cavallini: Caffarini Libellus (1974), pp. XVI, XIX, LV-LVII, LXXII, 418 e passim (ms. siglato S); Giambonini Lettere (1991), I; Bianchi Santa Caterina (1993), p. 490; Kaeppeli (1993), IV p. 341 nr. 3761; Nocentini Scriptorium (2005), pp. 99 n. 68, 120 n. 134, 121; Nocentini Legenda maior (2013), p. 30 n. 79; Giunta Iconografia (2013), p. 604

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

II. pp. 193-224 Maximinus de Salerno n. 1365/1370, m. post 1417, Legenda parva de sancta Catharina Senensi
prol. inc. Reverende mi prior, iussisti ut postpositis primo et secondo prologis legende
text., p. 193 inc. Vir erat nomine Iacobus civis Senensis, qui uxorem sed ambo de laudabili genere
Rubrica diplomatica Incipit legenda admirabilis virginis beate Katherine de Senis, sororis ordinis de penitentia beati Dominici, ad instantiam reverendi patris fratris Thome, etiam de Senis, tunc prioris Sancti Dominici de Venetiis ordinis Predicatorum valde abreviata et servato ordine capitulorum quam legende prolixe quam alterius per supradictum patrem aliqualiter abreviate ad certum numerum videlicet precise ottuaginta miraculorum eiusdem virginis... (p. 193r)
Note rubrica completa a p. 193r: Incipit legenda admirabilis virginis beate Katherine de Senis, sororis ordinis de penitentia beati Dominici, ad instantiam reverendi patris fratris Thome, etiam de Senis, tunc prioris Sancti Dominici de Venetiis ordinis Predicatorum valde abreviata et servato ordine capitulorum quam legende prolixe quam alterius per supradictum patrem aliqualiter abreviate ad certum numerum videlicet precise ottuaginta miraculorum eiusdem virginis, reducta per quendam in Christo precipuum dilectum et devotum et probum fratrem Maximinum de Salerno eiusdem ordinis tunc conventualem et presentialiter existentem in supradicto conventu anno Domini M°IIIIcXVII°.

Risorse esterne collegate
Siena, BCI T.I.2, p. 1
Siena, BCI T.I.2, p. 112
Siena, BCI T.I.2, p. 56
Siena, BCI T.I.2, p. 66

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/siena-biblioteca-comunale-degli-intronati-t-i-2/218143

Trovati 1 records. Pagina 1 di 11

MIRABILE



Impostazioni Privacy



Questo sito Web utilizza i cookie per consentirci di offrire la migliore esperienza utente possibile. Le informazioni sui cookie sono memorizzate nel tuo browser ed eseguono funzioni di riconoscimento quando ritorni sul nostro sito web e aiuta il nostro team a capire quali sezioni del sito web trovi più interessanti e utili. E' possibile regolare tutte le impostazioni dei cookie navigando le schede sul lato sinistro. Per maggiori informazioni consulta la nostra Pagina Privacy visualizzare i nuovi termini.

Cookie strettamente necessari



I Cookie strettamente necessari devono essere abilitati in ogni momento in modo che possiamo salvare le tue preferenze per le impostazioni dei cookie.

Disabilitato

I cookie tecnici devono essere sempre abilitati per poter usufruire dei servizi di base sel sito web.

Cookie policy



Maggiori informazioni sulla nostra Cookie Policy