Si informano i lettori che dal 19 settembre 2018 Mirabile funziona su un motore di ricerca più avanzato e open source, che consente una maggiore efficienza delle funzionalità offerte e l'implementazione di nuove in un prossimo futuro.
La fase di testaggio della nuova infrastruttura è stata condotta dalla redazione dell'Archivio Integrato per il Medioevo (AIM).
A fronte di malfunzionamenti inattesi, che potrebbero verificarsi a proposito di domande complesse, il lettore è pregato di segnalarlo alla redazione, utilizzando il seguente indirizzo redazione@mirabileweb.it. E noi lo ringraziamo di questa collaborazione.

MIRABILE

Archivio digitale della cultura medievale
Digital Archives for Medieval Culture

Bartholomaeus Brixiensis m. 1258 ca. in CODEX
Bartholomaeus Brixiensis m. 1258 ca.
Trovati 11 records. Pagina 1 di 212
Responsabile descrizione interna CODEX

Chiusi (Siena), Museo della Cattedrale, D

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

sec. XV terzo quarto data stimata
membr.
ff. 152, numerazione moderna in cifre arabiche sul margine destro superiore (1-152); fascicoli 1-19 (8): richiami presenti;
Dimensioni: 590 x 430; specchio di scrittura: 405 x 295; rr. 30/ll. 5 + 5 tetragrammi, rigatura a colore

Decorato: le miniature di penna sono state eseguite da Bartolomeo da Ferrara (cfr. sottoscrizione a f. 110r). Le miniature di pennello sono state attribuite a Venturino Mercati (cfr. in bibl. Borghesi-Banchi Nuovi documenti) e Bartolomeo Varnucci, che tuttavia ha eseguito solo l'iniziale miniata a f. 1r (cfr. in bibl. Cod. lit. min.).
Iniziali filigranate; Iniziali decorate: iniziali decorate con oro;
Rubricato
Notazione musicale: sistema di cinque tetragrammi ad inchiostro rosso con notazione quadrata ad inchiostro nero.

Legatura antica, in cuoio impresso su assi di legno con borchie e cantonali.
Stato di conservazione
Lo stato di conservazione è buono: rare tracce di umidità e di usura, inserti membranacei.

Sottoscritto
A f. 110r: Frater Bartholomeus de Ferraria fecit hoc opus (riferito alla miniatura di penna).
Ente possessore Monte Oliveto Maggiore (Siena), Monte Oliveto Maggiore, abbazia OSBOliv (sec. XV terzo quarto - 1932)
Nomi Francesco della Ringhiera generale OSBOliv, committente (sec. XV terzo quarto); Alessandro da Sesto San Giovanni OSBOliv, copista (sec. XV terzo quarto); Bartolomeo da Ferrara, decoratore di penna (sec. XV terzo quarto); Venturino Mercati, miniatore (sec. XV terzo quarto); Bartolomeo di Antonio Varnucci, miniatore (sec. XV terzo quarto)
Storia del manoscritto L'Antifonario D fa parte di un unico ciclo liturgico, comprendente anche i corali A, B, C, E, F, H, I, K, L, M e N della stessa sede, tutti esemplati dal monaco benedettino Alessandro da Sesto San Giovanni (1456-59 ca.) su commissione del generale dell'Ordine olivetano Francesco della Ringhiera per il cenobio di Monte Oliveto Maggiore (cfr. in bibl. Lugano Corali e minii).
[La descrizione del manoscritto è stata desunta dal catalogo presente in bibliografia Codici liturgici miniati dei benedettini in Toscana a cura di M. G. Ciardi Duprè dal Poggetto]
Bibliografia Borghesi-Banchi, Nuovi documenti (1898), p. 211; Mostra arte senese (1904), pp. 145-146; Di Cocco Corali miniati (1910), pp. 459, 465; Lugano Corali e minii (1911), p. 44 n. 1; Toesca Monumenti e studi (1930), pp. 114; Mostr. miniatura (1953), pp. 402 nr. 644; Arte Lombarda (1958), p. 114 nr. 349; Levi D'Ancona Collection (1970), p. 116; Ciardi Dupré Corali (1972), p. 22; Bersotti Chiusi (1974), p. 84; Cod. lit. min. (1982), pp. 292-301; Baroffio Differentiae (1992), p. 66 n. 33; Guida d'Italia. Toscana (1997), pp. 754-755; Iter Liturgicum Italicum (1999), p. 50; DBMI (2004), p. 981

numero d'ordine: I

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/chiusi-(siena)-museo-della-cattedrale-d/199036

Responsabile descrizione interna CODEX

Chiusi (Siena), Museo della Cattedrale, K

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

sec. XV terzo quarto data stimata
membr.
ff. 126, numerazione moderna in cifre arabiche sul margine destro superiore; fascicoli 1-16 (8): presenti richiami;
Dimensioni: 590 x 435; specchio di scrittura: 405 x 295; rr. 30/ll. 5 + 5 tetragrammi, rigatura a colore

Decorato: le miniature di penna sono state eseguite da Bartolomeo da Ferrara (cfr. sottoscrizione a f. 14r) e da Alessandro da Sesto San Giovanni (ma per una sola iniziale); quelle di pennello sono state attribuite invece a Venturino Mercati (cfr. in bibl. Cod. lit. min.).
Iniziali filigranate; Iniziali decorate: iniziali decorate con oro;
Rubricato
Notazione musicale: sistema di cinque tetragrammi ad inchiostro rosso con notazione quadrata ad inchiostro nero.

Legatura antica, in cuoio impresso su assi di legno, con borchie e cantonali.
Stato di conservazione
Lo stato di conservazione è buono: rare tracce di umidità; piccoli strappi e inserti membranacei.

Sottoscritto
A f. 14r: Fratris Bartolomeus [sic] (miniatore di penna).
Ente possessore Monte Oliveto Maggiore (Siena), Monte Oliveto Maggiore, abbazia OSBOliv (sec. XV terzo quarto - 1932)
Nomi Francesco della Ringhiera generale OSBOliv, committente (sec. XV terzo quarto); Alessandro da Sesto San Giovanni OSBOliv, copista (sec. XV terzo qaurto); Bartolomeo da Ferrara, decoratore di penna (sec. XV terzo quarto); Venturino Mercati, miniatore (sec. XV terzo quarto)
Storia del manoscritto L'Antifonario K fa parte di un unico ciclo liturgico, comprendente anche i corali A, B, C, D, E, F, H, I, L, M e N della stessa sede, tutti esemplati dal monaco benedettino Alessandro da Sesto San Giovanni (1456-59 ca.) su commissione del generale dell'Ordine olivetano Francesco della Ringhiera per il cenobio di Monte Oliveto Maggiore (cfr. in bibl. Lugano Corali e minii).
[La descrizione del manoscritto è stata desunta dal catalogo presente in bibliografia Codici liturgici miniati dei benedettini in Toscana a cura di M. G. Ciardi Duprè dal Poggetto]
Bibliografia Borghesi-Banchi, Nuovi documenti (1898), p. 207; Mostra arte senese (1904), p. 145 nr. 26; Di Cocco Corali miniati (1910), pp. 459, 469-470; Lugano Corali e minii (1911), p. 44 n. 1, tav. 45, 47; Toesca Monumenti e studi (1930), p. 114; Mostr. miniatura (1953), pp. 401-402 nr. 643; Arte Lombarda (1958), p. 114 nr. 348; Levi D'Ancona Collection (1970), p. 116; Ciardi Dupré Corali (1972), p. 22; Bersotti Chiusi (1974), p. 84; Cod. lit. min. (1982), pp. 347-357; Guida d'Italia. Toscana (1997), pp. 754-755; Iter Liturgicum Italicum (1999), p. 50

numero d'ordine: I

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/chiusi-(siena)-museo-della-cattedrale-k/199042

Responsabile descrizione interna CODEX

Cortona (Arezzo), Biblioteca Comunale e dell'Accademia Etrusca, 74

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

sec. XIII ex. - XIV in. data stimata
membr.
ff. III, 325, III'; ff. di guardia cart. moderni; fascicoli 1 (11), 2 - 23 (10), 24 - 34 (8), 35 (6): il primo fascicolo, un quaterno più tre fogli singoli incollati, è un'aggiunta del sec. XV. 2; i fascicoli presentano una numerazione consecutiva sul foglio finale.
Dimensioni: 373 x 243 (365 x 240 il fascicolo iniziale); specchio di scrittura: 48 [184] 141 x 11/28/4/4 [51 (3/4) 52] 4/6/44/32  (40 [252] 73 x 44 [58 (12) 58] 68 il fascicolo iniziale); rr. 48/ll. 48 (rr. 52/ll. 51 il fascicolo iniziale).
Presenza di pecia
Presenza di note
Note marginali coeve e posteriori, alcune, sul margine inferiore di f. 12r ad esempio, sono state erase.


Decorato: Rosella Manciati attribuisce le iniziali miniate del codice al copista cortonese Marco Michele (cfr. Manciati in bibl.).
Iniziali semplici; Iniziali filigranate; Iniziali miniate: iniziali miniate ai ff. 1r, 12r (add. sec. XV.2); qualche disegno a penna sui margini (il primo a f. 53r e nota quello a f. 325r).
Rubricato

Legatura moderna (a. 1875).

Ente possessore Cortona (Arezzo), S. Margherita, convento OFM (sec. XV. 2 - XIX in.)
Nomi Bibliotecario quattrocentesco di Santa Margherita OFMObs, organizzatore (sec. XV. 2)
Precedenti segnature 7, Cortona (Arezzo), S. Margherita, convento OFM (sec. XVIII)
Storia del manoscritto Il manoscritto è stato completamente rivisto dal «bibliotecario quattrocentesco» del convento di S. Margherita (vd. al nome) che ha aggiunto il primo fascicolo con brevi testi funzionali in parte da lui stesso elaborati  e con continue revisioni  (vd. i ff. 302rb e 303ra). A f. 355v probabile computo dei fogli 338 (sec. XVI). Sullo stesso foglio sono erase note di natura glossatoria. A f. 1r segnatura n° 7 (sec. XVIII).
Il manoscritto compare nell'inventario del 1820 di S. Margherita di Cortona al lemma nr. 17 (vd. Nuovo_Codex - Materiali in linea / Cortona, anche per la Tavola delle segnature precedenti della sede).
Bibliografia Mohan Initia, III p. 356; Murano Opere diffuse, pp. 347-349 nr. 287; CICan, I; Rabotti Codici, pp. 92-93 nr. 17; Mancini Manoscritti di Cortona, p. 42 ; Catalogo Mostra Decretum, pp. 54-55 nr. 34; Manciati Codici miniati , pp. 13, 71-72; Fruscoloni Santità e cultura, p. 254 n. 40; Agnelli Marco Michele, p. 212; Cocchi Marco Michele Basili, pp. 202, 207 e n. 20, p. 208; Andrieu Ordines Romani I; Stoppacci Libri e copisti, p. 218; Mazzatinti Inventari (1911), XVIII pp. 38-39; Kuttner (1937), p. 110; Donnini, De vita (1980), p. 263 n. 1; Mss. med. Cortona (AR) (2011), pp. 58-59 scheda nr. 74, tav. XCI

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

numero d'ordine: III

numero d'ordine: IV

numero d'ordine: V

numero d'ordine: VI

numero d'ordine: VII

numero d'ordine: VIII

VIII. ff. 12ra-325rb Bartholomaeus Brixiensis m. 1258 ca., Apparatus et glossae in Decretum Gratiani
text. inc. Tractaturus Gratiani de iure canonico primo incipit a sinplicioribus secundum naturam
text. expl. Intelligo et scio dicitur enim fius scientiam et quicquid habet a patre, et Spiritus sanctus a Patre et Filio
Note La glossa è a cornice.

Risorse esterne collegate
Cortona (Arezzo), BCAE 74, f. 12r
Cortona (Arezzo), BCAE 74, f. 1r
Cortona (Arezzo), BCAE, 74, f. 325r
Cortona (Arezzo), BCAE, 74, f. 85r

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/cortona-(arezzo)-biblioteca-comunale-e-dell-accade/213480

Responsabile descrizione interna CODEX

Lucca, Biblioteca Capitolare Feliniana, 126

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

sec. XIII ultimo quarto data stimata
membr.
ff. IV, 372, VIII; i ff. I-IV e V-VIII sono di restauro; i ff. I'-IV' frammentari e risarciti, provengono da un manoscritto trecentesco, sempre di diritto canonico con interventi a margine di Felino, forse residuo di unità più ampia; fascicoli 1 (11), 2-4 (10), 5 (6), 6 (11), 7-8 (12), 9-11 (8), 12-15 (12), 16-17 (10), 18 (12), 19-20 (10), 21 (12), 22 (10), 23-24 (12), 25 (10), 26-33 (12), 34 (14): il fasc. 1 è un quinterno più un foglio iniziale aggiunto; il fasc. 5 è lacunoso; il fasc. 6 è un quinterno più un foglio finale aggiunto
Dimensioni: 424 x 274; specchio di scrittura: 57 [244]123 x 52 [63 (12) 61]86 (pagina piena); rr. 52/ll. 52 (pagina piena)

Decorato
Iniziali decorate: spazi riservati
Rubricato

Legatura di restauro (2008) in assi con dorso in cuoio e due fermagli; legatura precedente moderna, in carta su cartone, conservata a parte

Nomi Felinus Sandeus episcopus, possessore e aggiunte di (sec. XV ultimo quarto)
Storia del manoscritto L'apparato di glossa è stato scritto a testo già completato (forse solo in parte: si avverte una differenza tra i ff. 1-106 ed i seguenti), a giudicare da alcuni aggiustamenti che incidono sulla struttura fascicolare, variabile per interventi testuali successivi relativamente evidenti, ad es.: il f. 1 del fascicolo iniziale, singolo, è inserito solo per la glossa; a f. 57v (fine del sesto fascicolo) il richiamo è erroneo, esatto è quello che chiude il successivo f. 58 (foglio aggiunto), ma al margine sup. è specificato: Nota quod ista tria capitula sunt superflua ..
A f. 372r, marg. inf.: Nota quod ego (rasura al nome) habui hunc librum primo anno quo incepi studere in facultate canonum et eum emit mihi optimus genitor meus (rasura al nome) anno Domini MCCCCLVIIII die 4a iunii et memento omnino quod die XXIII augusti eodem anno incepi studere istum decretum in principio cum voluntate procedendi usque ad finem si Deo placuerit et videre totum textum et glo(sa) diligentissime et adsit igitur mihi ac meo principio Dei gratia.
Risulta poco spiegabile la rasura, nella nota, dei due nomi, presentata ugualmente dall'altra nota simile nel BCF 145.
Ai margini del codice si segue un utilizzo forte e protratto nel tempo, con riferimenti che via via riflettono studi del possessore e suoi manoscritti di periodo successivo: da Guido da Baisio, Antonio da Butrio e Pietro d'Ancarano, cui si riferiscono glosse per lo più 'giovanili', ad autori quali s. Antonino (del quale Felino possiede quasi tutta l'opera ma a stampa) o Giovan Battista Caccialupi (nel BCF 396). Molte le glosse siglate Felinus. Questo lungo e ampio utilizzo è confermato dal variare della scrittura del possessore dal suo stadio giovanile a quello più maturo di fine secolo (a f. 46v: Nota de insula Gorgone et Caprarie quas Pisis legens ex edibus meis videbam; a f. 272r il Sandei ricorda di aver iniziato ad usare gli occhiali, e siamo dunque nel 1496, anno nel quale annota la stessa cosa nella sua stampa BCF 352).
Il restauro ha recuperato e riportato su una brachetta tra i ff. V' e VI' tre frammenti con varie note del Sandei; una di queste riveste un certo interesse: In libraria pape ante custodes in 3° banco a manu dextera est liber qui per titulos decretalium collegit infinitas litteras apostolicas. In alia camera est liber Platine ad Iob qui colligit multa, illo non viso, et habet bonam tabulam.

Bibliografia Baronius Catalogus (1757), pp. 78-81; Blume Bibliotheca (1834), p. 68; Leonardi Felino Sandei (1857), p. 223; Rabotti Codici (1959), p. 117 ; Ghilarducci Il vescovo Felino (1972), p. 162 e n. 7; Montorzi Taccuino Feliniano (1984), pp. 21, 64; Arrighi Felino Sandei (1987), p. 9; Landau Falschungen (2004), p. 6; Murano Autographa I 1 (2012), p. 276; Mss. med. LU (2015), pp. 115-116 scheda 61, tav. VIIIa; Colli Felino Sandei (2017), pp. 97, 98 n. 9, 100, 116, tav. I p. 150

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

II. ff. 1va-372rb Bartholomaeus Brixiensis m. 1258 ca., Apparatus et glossae in Decretum Gratiani
prol. inc. Quoniam novis supervenientibus causis novis est remediis succurrendum
text. inc. Humanum genus - Tractaturus Gratianus de iure canonico
Note Il f. 1 è stato aggiunto al fascicolo iniziale al momento di stendere la glossa, che occupa tutto il verso (il recto è bianco) sia nello specchio interno che nella cornice.
Glosse e apparati presentani incipit/explicit uguali al quelli del Vat. Lat. 1365 (Kuttner, Catalogue I, p. 139). La caduta di fogli dal fasc. 5 ha causato lacune anche nlla glossa.

Risorse esterne collegate
Lucca, BCF 126, f. 2r
Lucca, BCF 126, f. 372r
Lucca, BCF 126, f. 57v

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/lucca-biblioteca-capitolare-feliniana-126/222805

Responsabile descrizione interna CODEX

Lucca, Biblioteca Statale (olim Biblioteca Governativa), 2698

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

sec. XIV primo quarto data stimata
membr.
ff. II, 236, II'; fascicoli 1 (11), 2-10 (10), 11 (8), 12 (11), 13-21 (10), 22 (6), 23-24 (10)
Dimensioni: 370 x 240; specchio di scrittura: 25 [5/243/5] 92 (25 [5/121/5/117/5] 92) x 30 [67 (5/6) 68] 64; rr. 53 / ll. 52

Decorato
Iniziali semplici; Iniziali filigranate: iniziali semplici rosse e azzurre
Rubricato

Legatura di restauro
Stato di conservazione
Sono stati asportati i margini inferiori dei fogli: 28, 106 (105-106 bifolio sciolto), 140, 172, 212 e il margine esterno dei ff. 108-110; sono stati sostituiti in antico i bifoli 44 e 49, 54 e 59, 95-98 (2 bifoli), 110 (foglio singolo), in questi fogli mancano le iniziali filigranate

Ente possessore Lucca, S. Pietro Cigoli, convento OCarm (ca. 1491-XIX in.)
Nomi Nicolaus de comitibus Sancti Donnini episcopus, donatore (a. 1491)
Storia del manoscritto La nota cancellata a f. 2r: ... Dominus Nicolaus de comitibus Sancti Donnino civis et ..... lucensis dono diccavi (?) hunc codicem Bibliothecae conventus sancti P[etri] C[igo]lis ordinis et observantiae c[armelitanae] 1491, è analoga a quella presente sul ms. Lucca, BS 2697, il donatore dovrebbe essere dunque il vescovo Niccolò Sandonnini.
Bibliografia Bergmann Gratiae libri (1842); Del Prete Repertorio (1877), 1/2 f. 196r; Mancini Codices Lucenses (1900), p. 295

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

numero d'ordine: III

numero d'ordine: IV

IV. ff. 206r-224v Bartholomaeus Brixiensis m. 1258 ca., Ordo iudiciarius
text. inc. Quoniam ad imitationem maiorum in minimis...

numero d'ordine: V

Risorse esterne collegate
Lucca, BS 2698, f. 200r
Lucca, BS 2698, f. 232v
Lucca, BS 2698, f. 50r

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/lucca-biblioteca-statale-(olim-biblioteca-governat/213828

Responsabile descrizione interna CODEX

Poppi (Arezzo), Biblioteca Comunale Rilliana, 12

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

sec. XIII. 2 data stimata
membr.
ff. IV, 114, III'; i primi due ff. di guardia anteriori sono cart. recenti di restauro; seguono due ff. membr. antichi numerati I-II; il f. I' è membr. antico; seguono due ff. cart. recenti da restauro; fascicoli 1-3 (8), 14 (10): l'inizio di ogni fascicolo è indicato al margine inferiore del f. iniziale con formula tipica assisiate, es.: Primus quaternus casuum decretorum (la formula sui fascicoli finali è variamente intaccata dalla rifilatura);
Dimensioni: 362 x 220; specchio di scrittura: 27 [254] 81 x 29 [70 (10) 66] 45; rr. 51 / ll. 50.

Decorato
Iniziali filigranate: a f. 1r iniziale filigranata; presenti spazi riservati;
Rubricato

Legatura di restauro.

Ente possessore Assisi (Perugia), S. Francesco, convento OFM (sec. XIV - XVIII ultimo quarto)
Nomi Orsini Rilli Fabrizio cavaliere conte, possessore (sec. XVIII ultimo quarto - XIX primo quarto)
Storia del manoscritto A f. I'v brevi aggiunte di mano diversa ma coeva (il f. è stato rilegato al contrario).
A f. 1r margine inferiore traccia del cartellino ex-libris del Convento di San Francesco asportato e timbro ex-libris del Rilli.
Sulla controguardia anteriore cartellino cart. (sec. XVIII): 6. causae Decretorum magistri Bartol. Brixiensis saec. XIV.
A f. Iv annotazione (sec. XVIII): Causae canonicae Bartholomaei Brixiensis saec. XIIII.
A f. IIv nota di possesso del Rilli: Cav. C. Orsini Rilli; a f. 1r timbro ex-libris del medesimo.
Il codice compare nell'inventario del Convento di San Francesco di Assisi del 1381, redazioni A e T (cfr. Cenci, in bibl.).
Bibliografia Mazzatinti Inventari (1896), VI pp. 129-130; Alessandri, Inventario (1906), p. 35 nr. CLXXIX; Mercati, Codici (1924), p. 109; Fanfani Inventario (1925), p. 12; Menestò Codici sacro convento (1979), pp. 374-375; Cenci, Bibliotheca manuscripta (1981), pp. 166 nr. 179; 494; 512; Cat. mss. Poppi (1993), p. 10 scheda nr. 8, tav. IX

numero d'ordine: I

I. ff. 1ra-114ra Bartholomaeus Brixiensis m. 1258 ca., Casus Decretorum
text. expl. quod Spiritus Sanctus non poest aliquid audire a Filio quod ipse nesciat. Benedictus Iesus Christus.
prol. inc. Quoniam suffragantibus antiquorum laboribus iuniores possunt interdum
text., f. 1ra inc. Humanum genus. Casus iste sic ponitur dicitur enim hic quod duo sunt instrumenta
Note Schulte, Quellen II, p. 84.

Risorse esterne collegate
Poppi, BRill 12, f. 57r

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/poppi-(arezzo)-biblioteca-comunale-rilliana-12/213686

Responsabile descrizione interna CODEX

Siena, Biblioteca Comunale degli Intronati, G.IV.22

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

sec. XIII. 2 data stimata
membr.
ff. II, 43, numerazione moderna a inchiostro che computa 44 il foglio solidale al contropiatto posteriore; i ff. I-II provengono da un codice coevo; fascicoli 1 (4), 2-5 (8), 5 (7): il primo fascicolo è mutilo di un bifoglio iniziale, l'ultimo fascicolo di un foglio
Dimensioni: 350 x 210 (ff. Ir-IIv), 382 x 234 (ff. 1r-35v, var.), 380 x 235 (ff. 37r-43v); specchio di scrittura: 6 [288] 51 x 16 [43 (3)42 (4) 42 (4) 41] 12 (ff. Ir-IIv); 22 [261] 99 x 28 [71 (5/5) 72] 57 (ff. 1r-35v, f. 13r, var.); 24 [261] 90 x 16/4 [49 (4/4) 52 (5/4) 46 ] 5/43 (ff. 37r-43v); rr. 99/ll. 97-99 (ff. I-II); rr. 52-69/ll. 51-68 (ff. 1-35); rr. 80/ll. 79 (ff. 37-43)
Presenza di note
vd. descrizione interna al testo nr. 1


Decorato
Iniziali semplici: alternate in rosso e azzurro, di piccolo modulo
Rubricato

Legatura antica in assi e pelle con restauro moderno alla costola; perse tutte le parti metalliche; segni di coloratura

Ente possessore Siena, S. Maria Assunta, Opera della cattedrale
Nomi Georgius de Tolomeis doctor decretorum, possessore (ante 1440); Bartholomeus de Perugio frater et magister OFM, possessore
Precedenti segnature Grad.I n.13, Siena, S. Maria Assunta, Opera della cattedrale (sec. XVII-XVIII)
Storia del manoscritto All'interno del contropiatto anteriore su un pezzetto di pergamena incollato in alto, si trova la segnatura che il codice aveva nella Libreria della Cattedrale: Grad.I.n.13.
A f. Ir, nel margine superiore, Fratris Thome Romani, di mano della prima metà del secolo XIV e al centro del margine di f. 1r il numero 24; a f. 36v, nel margine inferiore, CCCCCCXXVIII. Sul contropiatto posteriore al margine superiore: Est valoris trium florenorum (sec. XIV); sempre sul medesimo nota di possesso di Giorgio Tolomei, maestro di diritto canonico nello Studio di Siena dal 1424 al 1428, (l'elenco dei mss. da lui posseduti si trova nella pergamena Diplomatico, Opera Metropolitana 1440 settembre 27 conservata nell'Archivio storico di Siena: al nr. 4 Summa Damasi plurium operum, extimatus liris 8) unita al ricordo dell'acquisto: Iste liber est mei Georgii Andree domini Petri de Ptholomeis quem emi a magistro Bartalomeo de Perusio. Sotto, di mano moderna, numero d'ordine dell'inventario della Biblioteca capitolare di Siena: LXXXVIII (cfr. in bibl. Mecacci Descrizione globale, p. 58).
Sul cartellino collocato nel dorso si trova una precedente segnatura, parzialmente leggibile, 7.H.[...], risalente all'ordinamento della biblioteca al tempo del bibliotecario Luigi de Angelis; nell'altro membranaceo, collocato in alto, indicazione del contenuto Casus Coscientiae e 15.
Il ms. si identifica in Ciaccheri Indice II, pp. 165-166 con la segnatura XXX.E.15 e nell'Ilari (cfr. in bibl.), in ambedue nella situazione, quasi frammentaria, attuale. Non è più presente il frammento cartaceo con la segnatura 62 riportato (anche in riproduzione fotocopia) da Mecacci.
Bibliografia Ciaccheri Indice (1799); Ilari La Biblioteca (1846), V p. 210; Kuttner (1937); Mecacci Descrizione globale (1991), pp. 27-65; Morandi Storia senese (1995); Pellegrini Una città in chiesa (1999); Klange Addabbo Antifonario (2007); Sarbak - Weinrich Officiis (2008)

numero d'ordine: I

I. ff. 1ra-35vb Bartholomaeus Brixiensis m. 1258 ca., Quaestiones Dominicales et Veneriales
Presenza di note
text. inc. // XII [.]II caritatem et XVI q. VI delapsis et XXVII q. si quis rapuerit item
text. expl. michi quod ecclesia non transit cum sic petrioso quam castrum sed certe circumvidetur per in prima (sic) parat allegata.
Rubrica diplomatica Incipiunt Generalia Magistri Ricardi Anglici. Quod nullo privetur beneficio sine culpa sua (f. 1ra)
Note Il testo è acefalo e lacunoso: VII quaestio dominicalis, C.12.q.2.45.
Ai ff. Ira-Ivb: Richardus de Mores, Brocharda: inc.: Extra, de costitutionibus, cognoscentes (X.I.2.2 - Dig.45.3.1.3.4); ai ff. IIra-IIvb le Distinctiones Decretorum (Distinctio L-Distinctio XCVI, c. 28. q. 1.8) inc.: Examinationis ut hic in hac confessione.
Numerose postille a commento del testo indicate da maniculae di una mano coeva o di poco posteriore a quella del testo; altre estese annotazioni di diritto canonico e grammaticali, di più mani del secolo XIII ex. e XIV, si trovano nel contropiatto anteriore.
A f. 36v una mano di poco posteriore a quella del testo ha annotato una Quaestio de malefitio; sotto, di altra mano del secolo XIV, Quaestio de legato posta in forma di nota di lascito, il cui originario incipit è stato eraso e riscritto dalla stessa.

numero d'ordine: II

II. ff. 37ra-43vc Bartholomaeus Brixiensis m. 1258 ca., Brocarda
prol. inc. Quondam secundum iuris varietatem
text., f. 37ra inc. Ut extra, de costitutionibus, Cognoscentes (X.I.2.2), supra LXXXII di. proposuisti
text., f. 43va expl. sit non potest aliter probari.
Rubrica diplomatica Incipiunt Brocarda. (f. 37ra)
Rubrica diplomatica Expliciunt Brocharda Damasi. (f. 47vc)
Note D. 82. 2; cfr. in bibl. Kuttner, p. 420.

Risorse esterne collegate
Siena, BCI G.IV.22, f. 1r
Siena, BCI G.IV.22, f. 1v
Siena, BCI G.IV.22, f. 35v
Siena, BCI G.IV.22, f. 36v
Siena, BCI G.IV.22, f. 37r
Siena, BCI G.IV.22, f. Ir

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/siena-biblioteca-comunale-degli-intronati-g-iv-22/213584

Responsabile descrizione interna SISMEL Sez. paleografica

Siena, Biblioteca Comunale degli Intronati, G.V.23

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

sec. XII ultimo quarto data stimata; sec. XIII secondo quarto
le due date si riferiscono al testo (nucleo originario) ed alla glossa; ulteriori aggiunte ai margini del sec. XIV med.
membr.
ff. III, 497, III', ff. numerati 494 in quanto la numerazione, moderna, ripete il nr. 481 e non computa due fogli, di dimensioni inferiori al manoscritto, inseriti dopo f. 315 e f. 410, per contenere lemmi di glossa che non entravano nelle carte precedenti; ff. di guardia cart. moderni; fascicoli 1 (9), 2 - 25 (8), 26 (9), 27 - 38 (8), 39 (15), 40 - 50 (8), 51 (9), 52 - 60 (8), 61 (7): richiami regolari; tutti i fascicoli sono numerati nell'ultimo foglio verso con numeri romani; tracce di segnatura a registro; alcuni fascicoli hanno tutte le carte segnate con lettera alfabetica;
Dimensioni: 310 x 210; specchio di scrittura: 11 [7 (7) 195 (7) 63] 20 x 5 [25 (5) (5) 47 (5) (5) 44 (5) (5) 47] 12 (f. 448r max., variabile); rr. 81/ll. 80 (glossa, f. 448r, max., variabili); rr. 42/ll. 42 (testo, f. 448r, max., variabili), rigatura a colore

Scritture e mani : littera textualis; : minuscola carolina

Presenza di pecia

Decorato: quattro miniatori di pennello della Francia settentrionale (tra Parigi e Sens), della fine del sec. XII  secondo l'analisi di Vailati (vd. Studio e testi, p. 39 scheda nr. 1 e Vailati von Schoenburg, Miniatura, pp. 79-80).
Iniziali semplici; Iniziali filigranate; Iniziali figurate; Iniziali decorate: iniziali figurate con oro all'inizio delle Causae e delle Distinctiones; iniziali decorate con oro; i testi aggiunti presentano solo iniziali semplici;
Rubricato

Legatura di restauro recente.

Ente possessore Siena, S. Bernardino all'Osservanza, convento OFMObs (La Capriola, abbazia) (sec. XVII)
Storia del manoscritto A f. 2r è incollato il cartellino ex-libris: Bibliothecae Conventus Observatiae Senarum; nello stesso foglio si trova la nota di ingresso del manoscritto alla Biblioteca pubblica senese nel 1811 di mano del bibliotecario De Angelis. Sul dorso cartellino con la precedente segnatura della biblioteca pubblica senese 'N.5.1'.
Bibliografia Ilari La Biblioteca (1845), II p. 200; Schulte (1857), II; Biblioteca Intronati (1911), p. 8; Kuttner (1937), p. 111; van Hove Prolegomena (1945); Melnikas Corpus (1945), pp. 1-sgg.; Catalogo Mostra Decretum (1952), pp. 55-56; Rambaud-Buhot Abrégés (1955); Rabotti Codici (1959), pp. 73, 95-96; Kuttner Gratian manuscripts (1963), p. 535; Liotta Appunti (1964), pp. 29-30; CICan (1995), I; Mecacci, Studio (1996), pp. 25-26; Vailati Schoenburg Miniatura (1996), pp. 79-80, p. 94, nn. 1-6, 97-100; Studio e testi (1996), p. 39 scheda nr. 1; Gibbs-L'Engle Law (2001), p. 114; Murano Opere diffuse (2005), pp. 347-354 nr. 287

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

numero d'ordine: III

III. ff. 7va-282ra Bartholomaeus Brixiensis m. 1258 ca., Apparatus et glossae in Decretum Gratiani
prooem. inc. Quoniam novis supervenientibus causis
text. inc. Humanum genus -- Tractaturus Gratianus de iure canonico, primo incipit
Note
D. 1 - De consecr. D. 5 c. 39; add. sec. XIII med. (vd. anche descrizione interna della seconda parte dell'Apparatus ai ff. 291va-494vb - testo VI).
Il ms. offre indicazioni di pecia sia nella prima sia nella seconda parte dell'Apparatus (vd. bibl.).

[spoglio completo del contenuto su MADOC]

numero d'ordine: IV

numero d'ordine: V

numero d'ordine: VI

VI. ff. 291va-494vb Bartholomaeus Brixiensis m. 1258 ca., Apparatus et glossae in Decretum Gratiani
text. expl. procedit C. De Summa Trinitate l. Inter claras.
Note
Cod. 1. 1. 8; van Hove, Prologomena, pp. 430-432.
La seconda parte dell'Apparatus contiene, come la prima parte ai ff. 7va-282ra, indicazioni di pecia (vd. bibl.).

[spoglio completo del contenuto su MADOC]

numero d'ordine: VII

numero d'ordine: VIII

numero d'ordine: IX

Risorse esterne collegate
Siena, BCI G.V.23, f. 221v
Siena, BCI G.V.23, f. 306v
Siena, BCI G.V.23, f. 464v
Siena, BCI G.V.23, f. 8r

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/siena-biblioteca-comunale-degli-intronati-g-v-23/213465

Responsabile descrizione interna CODEX

Siena, Biblioteca Comunale degli Intronati, G.VI.27

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

sec. XIII.1
membr.
ff. 192, II', ff. numerati: I, 191; numerazione moderna a matita nell'angolo inferiore sinistro del recto dei fogli; numerazione antica libro per libro nell'angolo superiore destro: del libro IV si numera solo il primo foglio; del f. di guardia II' resta soltanto un frammento in alto; fascicoli 1-23 (8), 24 (7), 25 (1): richiami regolari; il primo fascicolo comprende anche il f. I
Dimensioni: 232 x 160; specchio di scrittura: 15 [185] 32 x 12 [55 (10) 58] 25 (f. 3r max., variabile); rr. 34/ll. 33, rigatura a colore

Scritture e mani : littera textualis


Decorato
Iniziali semplici
Rubricato

Legatura antica membr. di recupero

Ente possessore Siena, S. Domenico, convento OP
Nomi Benedictus Rosa frater OP, possessore (sec. XV); Bernardus de Dimasco episcopus, collegamento non precisabile (ca. 1435)
Precedenti segnature Pl.II.O.3 n.18, Siena, S. Domenico, convento OP (sec. XVI)
Storia del manoscritto A f. Ir: Hec est Summa Remundina fratris Benedicti Rosa veneti, ordinis predicatorum, valoris V ducatorum (sec. XV ).
A f. I'r: Iste liber est mei fratris Benedicti Rosa veneti, ordinis predicatorum.
Ai ff. Ir e I'r: frater Bernardus de Dimasco, episcopus Balacensis, riporta la notizia di due fatti, avvenuti rispettivamente il 24 settembre ed il 9 dicembre 1435.
Sul dorso precedente segnatura del Convento di San Domenico Pl.II.O.3 n. 18 (sec. XVI) e numero 38 di valore incerto; sempre sul dorso cartellino con precedente segnatura della biblioteca comunale senese del bibliotecario Luigi De Angelis: H.6.1.
Bibliografia Ilari La Biblioteca, V p. 204; Abbondanza Bartolomeo da Brescia

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

numero d'ordine: III

III. ff. 178vb-181vb Bartholomaeus Brixiensis m. 1258 ca., Ordo iudiciarius
prooem. inc. Quondam ad imitationem maiorum imminet correctio facienda, idcirco ego Bartholomeus Brixiensis libellum iudiciarium quondam a Tancredo compositum
text. inc. Iudicum alii sunt ordinarii, alii arbitrarii
text. expl. Respondeo in omnibus spiritualibus ut extra De procuratoribus, Si in matrimonii.
Note interrotto
L'opera è la revisione, compiuta dall'autore, del testo omonimo di Tancredi; qui si trova solo la parte iniziale, fino a 1. 6. 5 in. (cfr. Abbondanza Bartolomeo da Brescia, pp. 694-5).

numero d'ordine: IV

Risorse esterne collegate
Siena, BCI G.VI.27, f. 151v
Siena, BCI G.VI.27, f. 188v
Siena, BCI G.VI.27, f. 1r
Siena, BCI G.VI.27, f. Iv

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/siena-biblioteca-comunale-degli-intronati-g-vi-27/213477

Responsabile descrizione interna CODEX

Siena, Biblioteca Comunale degli Intronati, K.I.3

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

sec. XIV.1 data stimata
membr.
ff. II, 354, II', numerazione moderna; ff. di guardia cart. moderni; fascicoli 1 - 35 (10), 36 (4): richiami regolari; segnatura a registro;
Dimensioni: 475 x 292; specchio di scrittura: 21 [24 (15) 290 (17) 81] 27 x 13/5 [25 (16) 74 (17) 72 (14) 33] 23 (f. 205r max., variabile); rr. 109/ll. 108 (glossa, f. 205r max., variabili); rr. 67/ll. 66 (text., f. 240r max., variabili), rigatura a colore

Scritture e mani : littera Bononiensis

Presenza di pecia
Presenza di glosse
Fitte note e glosse aggiunte.


Decorato: tre miniatori bolognesi: iI Maestro del Ricc. 1538 (alias Maestro di Gherarduccio), il Maestro del Parigino 2580 (alias Maestro del Graziano di Parigi), iI Maestro del Ricc. 1538 (alias Maestro del Graziano di Napoli) (vd. in  bibl.: Studio e testi ; Vailati Schoenburg, Miniatura).
Iniziali semplici; Iniziali filigranate; Vignette; Iniziali figurate; Iniziali decorate: vignette all'inizio delle Cause, del De Penitentia e del De Consecratione con oro; iniziali figurate con oro; iniziali decorate con oro.
Rubricato

Legatura di restauro.

Storia del manoscritto A f. 354v, in alto, una scritta erasa ed illeggibile anche con la lampada di Wood, della quale è stata lasciata solo la valutazione: C Flor. de camera.
Bibliografia Ilari La Biblioteca (1845), II p. 200; Mostra arte senese (1904), p. 143 nr. 12; D'Ancona Mostra senese (1904), p. 378, fig. 2, pp. 379-381 (s. segn.); Erbach Miniatura bolognese (1911), p. 2 (err. K.I.6); van Marle Development IV (1924), p. 441; D'Ancona Miniature italienne (1925), pp. 111, 39 (err. K.I.6); Salmi Manoscritto emiliano (1932), p. 304, fig. 153; Pagnin Miniatura padovana (1933), pp. 17-20 (err. K.I.I); Ojetti - Dami Atlante (1933), p. 142, fig. 725; Pagnin, Littera Bononiensis (1934), p. 1658 nr. 83; van Hove Prolegomena (1945); Toesca Storia dell'arte II (1951), p. 836; Pirani Miniatura bolognese (1952), p. 27, fig. 6-7; Catalogo Mostra Decretum (1952), pp. 16, 36-37 nr. 7, tav. IV; Miniatura italiana (1954), p. 138 nr. 196; Pirani Miniatura emiliana (1955), p. 260; Salmi Miniatura italiana (1956), p. 14 (err. K.S.S); Rabotti Codici (1959), pp. 73, 99 nr. 23; Liotta Appunti (1964), p. 29; Gnudi Bibbia (1972), p. 573; Melnikas Corpus (1975), pp. 1-sgg.; Arcangeli Pittura bolognese (1978), p. 87; Conti Problemi (1979), pp. 15, 26-27; De Benedictis Miniature Senesi (1979), p. 63; D'Arcais Organizzazione (1979), pp. 357-369; Conti, Miniatura bolognese (1981), pp. 17, 67-69, 80-81, 88, fig. 187-190; CICan (1995), I; Mecacci, Studio (1996), p. 25; Vailati Schoenburg Miniatura (1996), pp. 82-83, 111-114; Studio e testi (1996), p. 42 scheda nr. 4; Bauer-Eberhardt Tesori (1996), p. 139; Soetermeer, Utrumque ius (1997); Murano Opere diffuse (2005), pp. 341-357 nr. 286-287; Mecacci Cultura giuridica (2018), p. 90

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

II. ff. 1ra-354rb Bartholomaeus Brixiensis m. 1258 ca., Apparatus et glossae in Decretum Gratiani
prooem. inc. Quoniam novis supervenientibus causis
text. inc. Humanum genus -- Tractaturus Gracianus de iure canonico, primo incipit
text. expl. sepe solet filius similis esse patri et magistro discipulus XXIIII. q. I. Cum beatissimus. lau.
Rubrica diplomatica Explicit tractatus de consecratione.
Note
Expl. a: Dec. C. 24 q. 1. c. 16 (vd. CICan in bibl.).
Cfr. van Hove, Prolegomena, pp. 430-432. L'edizione di riferimento è l'ed. glossata Lugduni 1671.

[spoglio completo del contenuto su MADOC]

Risorse esterne collegate
Siena, BCI K.I.3, f. 121r
Siena, BCI K.I.3, f. 163r
Siena, BCI K.I.3, f. 1r
Siena, BCI K.I.3, f. 220v
Siena, BCI K.I.3, f. 270v
Siena, BCI K.I.3, f. 354r
Siena, BCI K.I.3, f. 95r

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/siena-biblioteca-comunale-degli-intronati-k-i-3/213452

Trovati 11 records. Pagina 1 di 212

MIRABILE



Impostazioni Privacy



Questo sito Web utilizza i cookie per consentirci di offrire la migliore esperienza utente possibile. Le informazioni sui cookie sono memorizzate nel tuo browser ed eseguono funzioni di riconoscimento quando ritorni sul nostro sito web e aiuta il nostro team a capire quali sezioni del sito web trovi più interessanti e utili. E' possibile regolare tutte le impostazioni dei cookie navigando le schede sul lato sinistro. Per maggiori informazioni consulta la nostra Pagina Privacy visualizzare i nuovi termini.

Cookie strettamente necessari



I Cookie strettamente necessari devono essere abilitati in ogni momento in modo che possiamo salvare le tue preferenze per le impostazioni dei cookie.

Disabilitato

Se disabiliti questi cookies non sarai in grado di salvare le tue preferenze. Ciò significa che tutte le volte che visualizzi www.mirabileweb.it dovrai impostare nuovamente le impostazioni cookies. (Non consigliato)

Cookie di terze parti



Questo sito Web utilizza Google Analytics per raccogliere informazioni anonime come il numero di visitatori del sito e le pagine più popolari.


Mantenere abilitato questo cookie ci aiuta a migliorare il nostro sito web.

Disabilitato

Cookie policy



Maggiori informazioni sulla nostra Cookie Policy